Spiegazione di cos'è il RAID

Grazie al rapido progresso della tecnologia informatica e una crescente richiesta di archiviazione dati sicura e affidabile, la tecnologia RAID è diventata la soluzione per conservare file sempre più apprezzata. RAID è l'’acronimo inglese di; “insieme ridondante di dischi indipendenti”.

Cos'è il RAID?
Recupero dei file cancellati
?

Il RAID è una tecnologia che raggiunge una maggiore capacità di archiviazione dati a elevate velocità, con una ridondanza e tolleranza agli errori e combinando più dischi rigidi trattandoli come un'unica unità di archiviazione logica. La tolleranza ai guasti di un sistema implica la capacità di continuare a funzionare come ci si aspetta, anche quando uno o più dischi rigidi si guasta o sviluppa in qualche modo un errore (guasto). I dati sono copiati su diversi dischi rigidi e in caso di guasto a un disco, questo evita la perdita di dati. In più, con la combinazione di più dischi rigidi, il sistema nel suo complesso trae vantaggio da una maggiore efficienza e offre prestazioni più elevate.

Il RAID è stato sviluppato originariamente per i server, per creare sistemi di conservazione dati di grandi dimensioni a costi ridotti, ed è diventato rapidamente popolare tra gli hobbisti e utenti domestici per molte ragioni, tra cui la conservazione dati in cloud personale fai da te e per i centri multimediali domestici.

Diversi tipi di RAID disponibili

Esistono diversi tipi RAID, ogni configurazione ha distinti i suoi pro e contro. Il tipo di vettore RAID influisce drasticamente anche sul potenziale risultato del recupero dati e sulla probabilità di successo del recupero dei file. Parliamo ovviamente dei diversi tipi di RAID per capire meglio. Questi sono i tipi più comuni di RAID: RAID 0, RAID 1, RAID 5 e RAID 10 (Combinazione di RAID 1 e RAID 0).

RAID 0

Questo è noto anche come set a striscia o volume di strisce. Per chi cerca elevate capacità e prestazioni più veloci su misura. In genere RAID 0 non è raccomandato per chi cerca la sicurezza dei dati, questo a causa della mancanza di ridondanza. Per questo motivo, non è considerato un vero 'RAID'. Questo combina due dischi rigidi preferibilmente di dimensioni e velocità identiche per formare un singolo volume di archiviazione logico. Questo influisce molto sulla capacità perché il "disco rigido" logico che ne consegue raggiunge il doppio della capacità. Una volta installati, i dati sono scritti contemporaneamente in entrambi gli hard disk, raddoppiando così il movimento dei dati nella memoria. Con una configurazione RAID 0 è possibile utilizzare completamente la capacità di entrambi i dischi rigidi. Esempio se si utilizzano due dischi da 4 TB, il sistema vedrà una sola un'unità con 8 TB di spazio disponibile. Il più grave problema con un RAID 0 è che non può offrire una tolleranza d'errore o ridondanza. Se un disco rigido subisce un guasto o è danneggiato, i dati nel suo complesso andranno completamente persi.

RAID 0

RAID 1

È conosciuto anche come mirroring (rispecchiare), questo è il primo livello "vero" di RAID e raggiunge la ridondanza e la sicurezza dei dati replicando e clonando continuamente i dati su due dischi rigidi, in questo modo crea un backup completo fino all'ultimo bit di dati salvati. Tutti i dati sono copiati simultaneamente su ciascun’unità, questo significa che le probabilità di perdere dati è molto inferiore. Le due unità sono clonate, nel caso una si guasti o si deteriora, l'altra avrà una replica completa dei dati e può essere recuperata o anche spostata in nuovo sistema immediatamente e senza spostare i dati. L'aggiunta di altri dischi rigidi non aggiungerà più capacità di conservazione ma solo più ridondanza. Per questo sfortunatamente, quando si tratta della capacità di conservazione, è possibile utilizzare solo metà di quella disponibile, perché ovviamente l'altra unità è utilizzata per la replica dei dati.

RAID 1

RAID 5

Sicuramente è il tipo di RAID più popolare. È notevolmente più efficace nel raggiungere capacità e ridondanza ottimali. RAID 5 comprende una striscia a livello di blocco con parità distribuita. Consiste in un sistema di checksum (somma di controllo) chiamata parità. In caso di guasto di un'unità, le letture successive possono essere calcolate dalla parità distribuita in altre unità e per questo non si perdono dati. Il RAID 5 richiede almeno 4 unità per raggiungere la capacità e le prestazioni ideali. Un singolo disco rigido raccoglie i dati di parità. Nel caso in cui un'unità si guasta, il RAID può essere ricostruito e tutti i dati recuperati. Tutto quello che devi fare, è aggiungere un altro disco rigido per completare il vettore e iniziare il ripristino. Il processo potrebbe richiedere un po’ di tempo, ma è considerata un'opzione più che sicura in termini di ridondanza e capacità.

RAID 5

RAID 10

Con questo tipo di vettore RAID si combinano i vantaggi di RAID 1 e RAID 0. Fondamentalmente, combina la capacità di spazio aumentata e tolleranza ai guasti in un'unica soluzione. Si raggiunge il doppio delle prestazioni e della capacità di conservazione dati. È semplicemente fantastico quando le prestazioni e lo spazio diventano preoccupazioni per mantenere in ogni caso un budget.

RAID 10

Cause comuni di errori RAID

In genere i sistemi RAID sono considerati un'opzione affidabile e sicura per la gestione e l'accesso ai dati. Purtroppo, occasionalmente sono suscettibili a guasti proprio come altri dispositivi hardware e questo può portare a una perdita di dati catastrofica. Gli effetti sono notevolmente più gravi se file importanti non sono stati in precedenza messi in sicurezza con un backup. Ricorda che RAID non è un'alternativa al backup e anche le configurazioni dei vettori RAID più sicure possono sempre fallire. Tieni questo a mente, è assolutamente necessario eseguire costantemente il backup dei dati. Il sistema RAID potrebbe fallire per diverse ragioni, alcune delle quali includono:

  1. Guasto del controller RAID
    Un controller RAID potrebbe fallire a causa di un disastroso improvviso aumento della tensione che potrebbe mettere fuori uso la NVRAM, danneggiare le partizioni del disco rigido o la memoria di avvio, di fatto rendendo impossibile l'avvio o l'accesso ai dati.
  2. Ricostruzione fallita di un disco rigido
    Quando si sostituisce un'unità RAID o avvengono errori di ricostruzione RAID, ciò potrebbe impedire all'utente di accedere ai file o all'intero vettore RAID.
  3. Arresto anomalo del server
    Quando la macchina host dei tuoi vettori RAID potrebbe bloccarsi o fallire portando alla corruzione del controller RAID e quindi rendere i tuoi dati inaccessibili.
  4. Multiplo fallimento dei dischi
    Un guasto del disco rigido in un vettore può lasciare il vettore soggetto a eventuali futuri guasti del disco che, possono portare al danneggiamento del sistema. Il continuo uso del vettore con unità usurate farà aumentare ulteriormente le possibilità di un guasto del vettore peggiore.

Che cosa fare quando si è soggetti a un guasto RAID?

Adesso che hai subito un guasto RAID, quali sono i passi successivi da fare? Prima cosa dovrai tentare il recupero RAID per salvare i tuoi dati. Generalmente il sistema più sicuro a questo punto è smettere di usare il vettore per valutare la gravità del danno al vettore RAID. Mentre è generalmente consigliato riparare e sostituire il vettore secondo le necessità, il ripristino potrebbe essere considerato anche un'opzione.

Ci sono diverse soluzioni che possono aiutarti nel recupero dati RAID. Esistono diversi strumenti di Windows per RAID che consentono di ripristinare i dati RAID 0 danneggiati o persi.

Ripristino RAID 0

Il recupero dei dati RAID 0 può essere eseguito attraverso i seguenti approcci:

Ripristino automatico RAID 0. Questo tipo di approccio richiede di scollegare il disco rigido per poi collegarlo a un PC e in seguito utilizzare uno strumento software per il ripristino RAID 0. Si tratta di un metodo semplice che non richiede un alto livello di conoscenza. Esistono molti strumenti software per il recupero dati RAID 0 che includono strumenti proprietari e altri gratuiti. Ogni software di recupero consente di utilizzare diverse opzioni ma il concetto rimane generalmente lo stesso:

  • Disconnetti i dischi rigidi dal controller RAID
  • Collegali a un PC uno per uno
  • Lancia il software di ripristino RAID 0 per leggere la configurazione del vettore
  • Alimenta il controller con la configurazione del vettore ripristinato
ReclaiMe Recupero RAID gratuito

Spesso la migliore opzione è davvero quella più semplice. Disk Drill per Windows è un altro strumento di recupero popolare e apprezzato, ed è in grado di recuperare dati dai singoli dischi RAID. Disk Drill è un'applicazione per Windows compatibile con Windows 7/8/10 e altre versioni più recenti di Windows. Anche se Disk Drill non può riparare o ripristinare completamente il vettore completo in questo momento, è comunque in grado di ripristinare i singoli file RAID 5 da ciascun disco dal vettore danneggiato. Secondo la configurazione del vettore, ciò potrebbe consentire un sostanziale ripristino dei file anche senza la possibilità di riparare l'intero vettore.

    Ripristino RAID 1

    È possibile ripristinare i dati da un vettore RAID 1 anche dopo la formattazione o l'eliminazione dei dischi rigidi. Con una configurazione del vettore RAID 1, i dati possono andare persi a causa di guasti meccanici del disco rigido, problemi dell'unità o eliminazione accidentale. In questi casi puoi ancora recuperare i tuoi dati da tutti questi scenari nefasti fatta eccezione per i danni fisici.

    Per il recupero Raid 1, avrai bisogno di un programma esattamente come quando ripristini RAID 0.
    La procedura di base per il ripristino dei dischi e vettori RAID 1 prevede 3 passaggi di base:

    • Avvia il software
    • Scansiona i dischi rigidi
    • Recuperare i file con il software per salvarli

    Ripristino RAID 5

    Il recupero dati RAID 5 è lo stesso che per i ripristini RAID 0, RAID 1, le probabilità variano, ma c'è un passaggio aggiuntivo specifico per RAID 5. Il metodo migliore per il recupero dei dati RAID 5 è prima di tutto la ricostruzione del vettore del disco.

    Per il recupero da errori RAID c’è uno strumento popolare ed è: Phoenix RAID ripristino. Ci sono diversi pro e contro con questo software che vanno oltre lo scopo di quest’articolo, ma in sostanza con tutti gli strumenti di recupero RAID le probabilità di successo, dipendono in ultima analisi dallo stato originale dei dischi e dalla gravità del danno, se nell'evento più dischi in un vettore sono danneggiati, il recupero è improbabile per la maggior parte dei tipi di vettore RAID.

    Stellar Phoenix ripristino RAID

    Strumenti popolari per il recupero RAID

    Sono riportati qui di seguito i primi 10 servizi di recupero RAID online riconosciuti dagli utenti. Anche se (al momento) non abbiamo rivisto individualmente ciascuno di questi strumenti, questi sono comunque gli strumenti comunemente più utilizzati per il recupero RAID completo o parziale del (disco singolo).

    1. Disk Drill
    2. EaseUS
    3. Ontrack Easy recovery
    4. DoYourData
    5. R-studio
    6. Amigabit Data recovery
    7. Icare Data recovery
    8. Stellar Phoenix
    9. Secure recovery
    10. Bit Recover

    Spesso la migliore opzione è davvero quella più semplice. Disk Drill per Windows è un altro strumento di recupero popolare e apprezzato, ed è in grado di recuperare dati dai singoli dischi RAID. Disk Drill è un'applicazione per Windows compatibile con Windows 7/8/10 e altre versioni più recenti di Windows. Anche se Disk Drill non può riparare o ripristinare completamente il vettore completo in questo momento, è comunque in grado di ripristinare i singoli file RAID 5 da ciascun disco dal vettore danneggiato. Secondo la configurazione del vettore, ciò potrebbe consentire un sostanziale ripristino dei file anche senza la possibilità di riparare l'intero vettore.

      Recupera file cancellati su Windows con la migliore app per il recupero

      Disk Drill 4

      Scopri come recuperare file cancellati

      Università per il recupero del disco

      Scopri come Disk Drill ha aiutato gli altri

      Usato da compagnie di fama mondiale